La mia Storia e miei Problemi con “Violet Evegarden”.

“Violet Evergarden” è una delle serie anime più acclamate e viste dell’ormai passato 2019, infatti la N rossa ha capito, anzi secondo me previsto, le potenzialità dell’opera acquisendone in toto i diritti di distribuzione diventandone unico publisher.

Quello che io voglio fare oggi è narrarvi la mia breve storia con il franchise e farvi capire come mai lo reputo sopravvalutato.

Si può essere innamorati di una ragazza 2D?…

Mettiamo il carro davanti ai buoi: “Violet Evergarden” ai Nekowards di AnimeClick.it ha vinto il mondo. Violet è stato il miglior personaggio femminile del 2019 e l’anime in se per se vanta anche il miglior comparto visivo dello stesso anno; per di più si porta a casa il secondo posto per la miglior serie.

Quindi vi chiederete voi: Balverino ma tu chi sei per dirci che “Violet Evergarden” è sopravvalutato? Nessuno, io non sono un critico ne di film ne di serie animate; però un po’ di esperienza ne ho e per quanto sembri che l’autodidattismo porti a nulla, l’essere slegati dai canoni classici di insegnamento del campo recensioni ti porta a vedere le cose da differenti prospettive sconosciute ai più. In ogni caso non sono l’ultimo degli scemi; quindi prestatemi la vostra attenzione per i prossimi 10 min. di lettura, non vi costa nulla e magari scoprirete qualcosa che prima non consideravate nemmeno.

…Si, si può.

Brevi accenni al contenuto.

Violet è una ragazza orfana e senza nome che fin da piccola viene cresciuta nell’ottica di essere una vera e propria arma da impiegare in guerra. Un giorno finisce ai diretti ordini del maggiore Gilbet Bougainvillea e grazie alla gentilezza di quest’ultimo Violet non solo acquisisce un nome ma anche i rudimentali strumenti atti all’acquisizione e conoscenza dei sentimenti umani. In seguito ad un non meglio precisato evento Violet si sveglia in ospedale con due protesi meccaniche tecnologicamente molto avanzate al posto delle braccia; la prima persona che incontra è l’ex-colonnello Claudia Hodgins amico e collega di Gilbert. Senza null’altro che le importasse Violet chiede dove fosse il suo maggiore, Claudia risponde che visti i suoi impegni non può ancora riceverla; dopodichè enuncia le volontà di Gilbert secondo le quali, vista la fine della guerra, Violet dovesse essere affidata alla famiglia Evergarden ed essere assunta nell’azienda di Claudia come postina. La nostra bionda protagonista ha però dei piani differenti per se stessa e rimanendo affascinata dal lavoro di “Auto Memory Doll” capisce di volerlo diventare anche lei allo scopo di capire cosa sia l’amore: il sentimento confessatogli dal maggiore tempo addietro.

L’adattamento animato è ad opera della “Kyoto Animation“.

Aspetti positivi.

Sempre nell’ottica di pararmi il culo inizierò enunciando gli aspetti oggettivamente positivi della serie.

Allora, neanche a dirlo: l’incipit è fighissimo. Capisci subito che piangerai in ogni singola puntata, puoi letteralmente percepire come la visione sia accompagnata da questo sottile filo di malinconia che è tesissimo e si può spezzare in ogni momento con l’ovvia conseguenza della lacrimazione. Lo vedi sui visi dei personaggi, lo senti nella delicatissima colonna sonora di fondo, lo avverti nell’annusare i tristissimi eventi ancora non accaduti, tutto ciò non è forzato perchè viene stimolata la reazione naturale del tuo corpo in concomitanza di una determinata visione.

L’ambientazione è qualcosa di potente: roba a metà tra uno steampunk ripulito ed Europa centro-occidentale del 1850-1900. La città portuale di Leiden sembra viva ed il fatto che sia quasi sempre soleggiata non fà che risaltare questo suo aspetto, inoltre il pregresso fantapolitico dona un contesto a tutto ciò creando l’illusione di qualcosa di realmente esistente.

Nello svolgere il suo lavoro Violet viaggia tantissimo in giro per il mondo ed ogni persona che incontra la influenza e viceversa, in questo senso l’automa diviene metafora di una creatura onnivora che prende da tutto e tutti per poter definire se stessa. L’anime usa la professione di Violet ed i suoi continui spostamenti in treno, visivamente immensi, per veicolare il messaggio di una crescita atipica che non affonda le sue radici nelle fasi di infanzia, adolescenza ed età adulta; quanto piuttosto nel trovare qualcosa di rotto che ci avevano rubato e nascosto per ricomporlo con pezzi più o meno combacianti in modo da renderlo completo alla bene e meglio. Anche i clienti di Violet hanno qualcosa di rotto ed ognuno di loro prende, seppur senza intenzione di farlo, uno di quei pezzettini che l’ex-arma umana si perde dietro; non coincide perfettamente ma da un minimo di sollievo. A livello simbolico la rottura di Violet è ben rappresentata dagl’arti artificiali ovviamente. Viene più volte affrontato il tema della cultura come mezzo conoscitivo per meglio esprimere a parole qualcosa che altrimenti non sarebbe possibile fare per assenza di vocaboli. Questo insegnamento, in particolar modo, viene veicolato dalle lettere postali che in questo caso si trasformano in figura retorica per assecondare il contesto. La guerra è veramente esistita e lascia delle cicatrici così come delle conseguenze, bionda e compagnia bella non sono felici e basta; cercano di esserlo ma sono consapevoli delle nefandezze da loro stessi commesse sui campi di battaglia. Tutto quello che abbiamo detto fin’ora ci porta ad un diretto parallelismo dell’opera con “Katanagatari“: lo sfruttamento dell’essere umano come arma, l’ignoranza dell’arma rispetto al mondo che la circonda per scelte operate dagl’altri, la volontà di questa nell’intraprendere la via dell’amore; sono tutte cose già impostate dall’adattamento animato del 2010. In tutto questo la cosa geniale è il fatto che Violet non ha una caratterizzazione, la acquisisce mano a mano che gli episodi passano e le esperienze che gliela fanno acquisire, noi le viviamo insieme a lei.

Il comparto grafico è di un’altro pianeta: disegni sempre al top, modelli dei personaggi sfioranti il fotorealismo, colori accesi e vividi, i visi possiedono espressività in ogni momento e non sono mai piatti. Le animazioni sono l’opposto della legnosità, i singoli movimenti di tutti i giorni per ogni singolo personaggio sono di una fluidità senza senso. Sommiamo il tutto e capiamo bene com’è possibile provare empatia per protagonista e affini: sono reali!

Ending bellissima e in grado in pochi secondi si scatenare nostalgia, l’impressione è quella di tornare indietro nel tempo per recuperare qualcosa che ti manca e che forse all’epoca non hai considerato abbastanza. Cerchi di chiederti cos’è che hai dimenticato ma hai solo una vaga sensazione in merito, non riesci a dare una risposta precisa; è quasi ossessionante e non riesci a scrollarti quel disagio di dosso subito, è persistente. Stiamo parlando di “Michishirube” di Minori Chihara, autrice tra l’altro della splendida opening della prima parte della prima stagione di “Kyoukai no Kanata“.

A tratti Violet ricorda un misto tra Taiga di “Toradora!” e Shoko Nishimiya di “A Silent Voice”, le amo tutte e tre.

Però, c’è un però…

I meno permalosi tra di voi che sono giunti sin qua, avranno ormai sicuramente capito che il titolo dell’articolo è volutamente provocatorio e che io non odio” Violet Evergarden“, anzi lo apprezzo molto; quello che non posso condividere è l’elevazione del tale a status di capolavoro perchè ci sono dei problemi e anche belli grossi.

Ma andiamo per ordine, lasciate che vi racconti il mio primo approccio con “Violet Evergarden“: io l’anime lo volevo vedere appena uscito su Netflix ma nel visionare l’anteprima mi resi subito conto di un’animazione un po’ mediocre nelle fasi più concitate riguardanti le scene di guerra e pensando, erroneamente, che di scene di guerra ve ne fossero parecchie lasciai stare. Poi la community anime mi ha portato allo sfinimento e così 3 settimane fa ho ceduto.

Il suo genere e l’importanza dell’approfondimento.

Nonostante l’anime non sia prettamente di genere Slice of Life ne ricalca molte caratteristiche quasi sempre presenti.

Si sente l’assenza di una storia di fondo che dia struttura al minutaggio e permei l’ambientazione. In questo senso non vi è un vero e proprio continuum da un episodio all’altro e ciò risulta nella conseguenza di varie fruizioni autoconclusive, frammentate e chiuse a compartimenti stagni. Inoltre l’unico straccio di trama viene portato avanti in maniera irrealistica dai personaggi stessi: Claudia potrebbe dire subito a Violet che Gilbert è morto in realtà; in questo modo Violet, all’epoca ancora emozionalmente ignorante, avrebbe potuto gestire meglio la cosa. No! Claudia lascia che sia Violet a scoprirlo da sola e non era nemmeno nelle sue intenzioni che lei lo scoprisse! Ma cosa si aspettava, che non lo venisse mai a sapere? Ad un certo punto sta crista si sarebbe chiesta se Gilbert non avesse anche un solo secondo libero per dirle ciao. I comprimari poi sono consapevoli di tutto sto inghippo e nessuno, dico nessuno, fa qualcosa in merito; ci provano una volta a sollevare dei dubbi sulla questione, poi il nulla. Ma che poi sta cosa di Gilbert morto te la telefonano nei primi 5 min., ma io dico: non ve la potevate tenere come rivelazione shockante dopo il mini arco dei ricordi della guerra? Boh… che sia stato fatto per far dire agli spettatori: oh poverina e aspetta che venga a sapere che è morto, in modo da empatizzare ancora di più con la protagonista? Non ne ho idea, ma concettualmente come è stata costruita la cosa risulta fallace. L’assenza di avvenimenti consequenziali tra di loro, per usare un termine tecnico, appalla! Si, c’è tanta emozione, tanti pianti e tanti sentimenti ma dopo 6 episodi così io ho bisogno di un po’ di sostanza! Non vorrei dire ma c’è un motivo se dura solo 13 episodi…secondo me in fase di produzione si sono resi conto che 26 puntate così annoiavano un tantino. La sottotrama dei rimasugli dell’esercito nemico è pensata male in partenza e costruita pure peggio, oltre al fatto che è un mero pretesto per costringere Violet a combattere un’altra volta in modo da dargli quell’ultima botta di sviluppo altrimenti impossibile da gestire.

Poi vabbè c’è l’elefante nella stanza che tutti hanno fatto finta di non vedere. Raga ma la contestualizzazione degl’arti robotici di Violet? Quanto costano? Perchè esiste una tecnologia che nemmeno noi abbiamo al giorno d’oggi in epoca pre prima guerra mondiale? Quali sono le implicazioni del rapporto uomo macchina? Nessuno ha mai pensato di usare questi innesti meccanici per facilitare il lavoro umano o usarli come potenziamento per i soldati? Se non mi dai risposta a queste domande io fatico un attimo a mantenere la sospensione dell’increduilità.

La nota di demerito finale va all’animazione: è inutile fare roba mirabolante per le sequenze ordinarie se poi non se in grado di fare la stessa cosa per i momenti più concitati riguardanti sopratutto gli scontri fisici e a fuoco. Anche perchè nelle prime se noto la qualità e un surplus che mi fa rendere conto dell’impegno immesso, nelle seconde è invece una cosa che salta subito all’occhio e fa storcere molto il naso.

Conclusioni.

Raga “Violet Evergarden” è croccante, ci sta! Ma non è un prodotto superlativo e nemmeno ottimo, è un buon prodotto che ha avuto la fortuna di uscire in un periodo dove la concorrenza di genere annaspava un po’. Il comparto grafico è più di quanto un essere umano meriterebbe ma si fa sentire troppo la mancanza del supporto di trama.

“Adesso siete liberi di ragionarci su oppure rimanere granitici sulla vostra ed odiarmi, in ogni caso i commenti servono a questo; fatemi sapere la vostra.”

Vi ricordo di: seguirmi su Facebook e su Instagram oltre che qui sul Blog. Ricondividete l’Articolo e lasciate Like ovunque lo possiate lasciare; commentate, aprite un dibattito ed interagite con me che rispondo a tutti.